mercoledì 4 febbraio 2009

La fine della grande notte

Ebbene sì, sebbene gennaio sia da poco volato via, possiamo dire che la Grande Notte svedese è terminata.

Me ne sono accorto questa mattina quando, aprendo gli occhi, ho visto filtrare attraverso la tenda un tenue chiarore. Il primo pensiero è stato “cacchio ho fatto davvero tardi questa volta”, ma dopo aver controllato l’orologio mi sono reso conto che il buio sempiterno che avvolge la Svezia in dicembre è finito. Tra l’altro, a dargli l’addio è stata una giornata soleggiata seppur fredda.

Fredda al punto che i due ponti che la mia metro attraversa, attraversano entrambi un corso d’acqua gelato e ricoperto di neve.

Ma nulla può sminuire lo spettacolo della Stoccolma bagnata dai raggi del sole della pigra alba del Nord. Quello scorcio tra i palazzi che punta giù, dritto verso Södermalm, e che mostra una Gamla Stan regina delle acque che si gode il mancato sole.

Il poter ammirare spettacoli come questo valgono bene i pochi gradi che riescono ad affacciarsi oltre lo zero. Parafrasando la celebre frase di Enrico IV, direi che:

Stoccolma val bene un giaccone abbottonato

Ecco una bella foto di un’alba stoccolmese trovata su Panoramio.

Alba stoccolmese

4 commenti:

gattosolitario ha detto...

Bello questo post.

Barbara ha detto...

... gli altri erano una merda...

:P scherzo ovviamente Gatto... Cmq quando mio fratello si lascia prendere dalla poesia, scrive cose molto belle. Il punto è il quando... :P

Kralizek ha detto...

la battuta l'ho pensata anche io. E cmq mi ricordo un "datti alla prosa, figlia mia" che eccheggiò per la casa qualche anno fa!

Puntino ha detto...

Vorrei vederelo da vicino qualcosa del genere...

Related Posts with Thumbnails